Scarica e colora!

Illustazione a cura di: Simona!

Mentre lasciavamo Milazzo per raggiungere Palermo ci siamo fermati qualche ora, con i bambini, in questo famoso borgo, inserito nel 2020 tra i più belli d’Italia. Cefalù è detta anche “Terra del mito” perché la leggenda narra che Ercole edificò qui un tempio a Giove.

Cefalù con i bambini
Cefalù con i bambini

La nostra giornata a Cefalù è stata un mix di divertimento, visite interessanti e un’ottima merenda tipica alla quale è impossibile resistere.

Ma cosa si può fare a Cefalù con i bambini?

Un giro a Porta Pescara con tuffo dal molo del porticciolo

Porta Pescara è l’unica rimasta delle quattro porte che si aprivano lungo le mura della città medievale. Attraversandola si rimane ammirati dalla vista che da su tutto il lungomare di Cefalù e si può fare un bagno con gli immancabili tuffi dal molo del porticciolo.

Cefalù con i bambini
Porta Pescara

Una visita al lavatoio medioevale: per i bambini il luogo più magico di Cefalù

Nascosto tra le caretteristche viette del centro storico, questo luogo ha fatto fare a tutta la famiglia un tuffo nel passato. All’ingresso ci ha accolti una curiosa scritta: «Qui scorre Cefalino, più salubre di qualunque altro fiume, più puro dell’argento, più freddo della neve». Secondo la leggenda, che abbiamo raccontato ai ragazzi dopo aver letto la scritta, questo fiume nacque dalle lacrime di una Ninfa che uccise il suo amato dopo che lui l’aveva tradita.

Cefalù con i bambini
Le vasche per strofinare i panni

Le acque del fiume Cefalino alimentano le bocche in ghisa del lavatoio e le vasche per strofinare i panni, tutto contornato da elementi architettonici arabi. Con i ragazzi abbiamo provato ad immaginare come poteva essere questo luogo nell’antichità: pieno di donne che sfregavano i loro panni magari intonando tutte insieme dei canti tradizionali….

Le bocche in ghisa

Un’imperdibile visita al duomo

Se volete far incuriosire i bambini raccontate loro la storia di Re Ruggero D’Altavilla che durante un viaggio in nave, da Salerno a Palermo, si imbatte in una tempesta. Il re spaventato fece voto al Signore di erigere una chiesa nel luogo in cui avrebbe toccato terra insieme al suo equipaggio. Così venne costruita questa cattedrale in onore al SS. Salvatore e dei santi Pietro e Paolo.

Il duomo
I mosaici Bizantini e il Cristo Pantocratore

Per la visita vengono proposti tre percorsi, noi abbiamo optato per il percorso completo, che oltre all’interno della cattedrale con i suoi stupendi mosaici bizantini permette di salire in cima alle torri e ammirare lo stupendo panorama sul mare, permette di percorrere i tetti del lato sud e ammirare tutto l’antico borgo e di passeggiare nel chiostro canonicale.

Sui balconi del duomo

Per info: www.duomocefalu.it

Una golosa merenda tipica da Cannolì

Dopo aver passeggiato per le vie del centro storico non si può non fermarsi a gustare delle ottime granite con la panna montata, i cannoli e le brioches. Cannolì, in via Bagni Cicerone 17 bis, è uno di quei posti dove vorresti che la merenda fosse infinita. Non potevamo concludere meglio la visita a questo borgo sorprendente.

2 risposte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *