Scarica e colora!

Illustazione a cura di: Deborah!

Un viaggio alla foce dell’Isonzo con i bambini

Siete in vacanza in Friuli Venezia Giulia? Oppure state organizzando un viaggio in queste zone? Non potete perdervi la foce dell’Isonzo da visitare con i bambini.

La Riserva comprende un’area di circa 2400 ettari, situata lungo gli ultimi 15 km del corso del fiume.

Come tanti luoghi da visitare in Friuli Venezia Giulia l’ingresso è gratuito se in possesso della FVG card.

La FVGcard è una card digitale nominativa che ha la durata di 48h o 1 settimana, dal primo utilizzo, e che ti permette di entrare gratuitamente nelle strutture convenzionate e di fruire di speciali scontistiche.

Cosa troverai in questa riserva?

E’ riconosciuta come la migliore area d’Italia per il birdwatching, infatti è l’habitat ideale per tante specie animali e in particolare per gli uccelli, oltre 300 specie, stanziali e migratori.

Potrete vederli molto da vicino grazie a dei capanni di osservazione disseminati per tutto il parco.

Per i più esperti c’è anche la possibilità di affittare per un’intera giornata uno dei quattro capanni fotografici.

Il punto di partenza è il centro visite, già al suo interno è visitabile un piccolo museo che ricrea le biodiversità del parco.

Qui troverete anche un cartello con tutte le specie di animali e di uccelli che sono state avvistate nei giorni precedenti.

foce dell'Isonzo con i bambini

È possibile scegliere due percorsi:

  • il percorso classico ad anello fattibile senza problemi anche con un passeggino e lungo circa due chilometri;
  • il percorso un po’ più impegnativo che esplora le paludi di acqua dolce, ma anche vaste zone umide salate, canneti, boschi e praterie e arriva fino alla foce è di circa 6 chilometri.

All’interno della riserva è possibile vedere anche Cavalli Camargue girare indisturbati, che contribuiscono a controllare lo sviluppo della vegetazione.

Su prenotazione è possibile praticare attività di avvicinamento ai cavalli nel loro habitat, adatte anche ai bambini più piccoli.

E’ possibile fare lezioni di equitazione o svolgere delle vere e proprie escursioni a cavallo all’interno della Riserva.

È presente anche un punto ristoro collocato in una zona dove le ampie vetrate offrono una vista spettacolare sulla Riserva.

Sono sicura che questa escursione piacerà proprio a tutti ma soprattutto ai più piccoli per i quali mi sento di consigliare il sentiero ad anello. 

foce dell'Isonzo con i bambini

Qual è la stagione migliore per visitare la riserva naturale della foce dell’Isonzo con i bambini?

Sicuramente è la Primavera inoltrata quando parecchi uccelli migratori sono già arrivati sulle sponde dell’Isonzo.

Ma anche l’autunno perché oltre alle specie stanziali si possono osservare una infinità di uccelli, numerose oche e anatre che frequentano la riserva principalmente per riposare durante la migrazione attratte dal livello dell’acqua ma anche dall’assenza di disturbo.

La Riserva si trova a solo un ‘ora di macchina delle spiagge più belle del Friuli Venezia Giulia come Lignano Sabbiadoro e a 50 km da Trieste.

Chi ama osservare gli animali nei loro habitat non può perdersi questo angolo di Paradiso.

Il panorama è arricchito da scorci meravigliosi che regala la laguna; è un luogo per godersi in assoluta tranquillità una giornata a contatto con la natura.

Tutte le informazioni sul sito www.riservafoceisonzo.it

Eleonora

Mi chiamo Eleonora e sono senese, impiegata di banca full time e viaggiatrice part time.

Io e mio marito Valerio siamo sempre stati dei viaggiatori incalliti a tal punto che durante il viaggio di ritorno programmavamo dove saremmo andati per il prossimo.

Poi è arrivata la piccola Rachele e avremmo voluto continuare il nostro stile di viaggio ma la pandemia ha bloccato tutto e abbiamo riscoperto il turismo di prossimità.

Non c’è weekend che non organizziamo una gita fuori porta, siamo dei cacciatori di destinazioni fuori dalle tradizionali rotte turistiche e anche quando visitiamo una grande città andiamo sempre alla ricerca di curiosità per rendere il nostro viaggio unico.

Il nostro mezzo di trasporto preferito è l’auto perché crediamo che solo così sia possibile raggiungere i Borghi più piccoli e più caratteristici del nostro Paese.

Sulla mia pagina Instagram @trip.on.the.road racconto i Borghi meno noti della Toscana ma anche dei nostri giri per largo e per lungo dell’Italia.. Sperando di riuscire a breve ad andare anche oltre confine.

Qui sul blog cercherò di raccontare le nostre esperienze di viaggio da adulti rimodellate per farli piacere anche ai piccini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *