Un weekend nelle Terre di Pisa con i bambini

Saranno i lungarni che sembrano essersi fermati nel tempo, la magia di Piazza dei Miracoli, le Chiese che spesso pendono come i loro campanili, i borghi arroccati sulle colline ma visitare le Terre di Pisa con i bambini è stata davvero un’esperienza emozionante.

Una Foresta di Bambù nelle Terre di Pisa con i bambini

Partiamo subito con la visita dell’Orto botanico perché alle 08.30 è già aperto.

Fondato nel 1543 dal naturalista, medico e botanico Luca Ghini (1490-1556) si tratta del primo orto botanico universitario del mondo.

Ospita piante dei cinque continenti: le succulente dei deserti africani e americani; le piante aromatiche della macchia mediterranea; le specie delle paludi toscane; numerosi alberi secolari e tante altre.

Durante il percorso si possono trovare pannelli esplicati studiati appositamente per i più piccini, noi ci siamo molto divertiti a riconoscere le piante in base alle indicazioni qui riportate.

L’Orto botanico organizza una serie di attività, laboratori, esperienze interattive ludico-scientifiche, rivolte ai bambini.

Al suo interno abbiamo trovato anche una casa per insetti, ribattezzata Bug hORTel. 

Un rifugio artificiale per insetti e altri animali impollinatori creati con gli obiettivi di tutelare la biodiversità, incrementare l’impollinazione e, quindi, la riproduzione di molte piante a fiore e di ostacolare in maniera naturale gli animali infestanti. 

Per maggiori informazioni vi consiglio di consultare il loro sito.

Un panorama spettacolare su tutta la città di Pisa

No non siamo sulla più famosa Torre della città, che poi in realtà altro non è che un campanile, ma siamo sulle mura medievali meglio conservate al mondo.

Le mura di Pisa sono state recuperate recentemente per poter godere di una passeggiata 3 km sui tetti della città.

È un percorso adatto a tutti, fattibile anche in passeggino perché in alcuni dei 4 punti di accesso è presente l’ascensore. 

Purtroppo non è possibile salire in ascensore dal l’accesso in piazza dei miracoli.

Per gli orari e per i prezzi vi rimando al loro sito in modo da rimanere sempre aggiornati.

Un museo di opere d’arte a misura di bambini

Se percorrerete tutto il camminamento delle Mura di Pisa arriverete esattamente all’ingresso all’ingresso del Museo Nazionale di San Matteo.

Qui sono custodite tra le opere d’arte più importanti conservate a Pisa, appartenenti alla fascia temporale che va dal Medioevo fino al Settecento.

Solitamente quando si pensa a musei di questo calibro si associa anche al fatto che non siano adatti per essere visitati con i bambini.

Invece hanno ideato un percorso interattivo da fare con i più piccoli.

Una sorta di caccia al tesoro che ha permesso alla nostra bambina di visitare il museo giocando ma anche imparando tantissime cose inerenti le bellezze conservate nel museo.

Nelle Terre di Pisa con i bambini è possibile anche visitare i musei divertendosi.

Per informazioni più dettagliate vi consiglio di visitare il sito del museo.

Pranzo nelle Terre di Pisa con i bambini

Da assaggiare sicuramente la Cecina e la pizza fritta tipico street food Pisano.

In corso Italia troverete tantissimi bar e tavole calde che propongono questi piatti.

Io vi consiglio di andare alla Pizzeria da Nando qui le coordinata.

Da qui se vi dirigerete verso la stazione troverete le opere di street art di Kobra, il Galileo appena inaugurato, e Tutto Mondo di Keith Haring.

Il museo delle navi antiche di Pisa 

Dovete sapere che alla fine degli anni 90 durante i lavori per l’ampliamento della stazione di San Rossore è stata fatta una scoperta sensazionale.

Sono state ritrovate circa trenta navi appartenente ad un arco temporale che va dal II sec aC al VII sec dC.

Si tratta di una zona che all’epoca era soggetta a notevoli alluvioni.

L’ambiente umido ha consentito l’eccezionale conservazione dei reperti. 

Il legno, sott’acqua in assenza di ossigeno, è riuscito a mantenere quasi intatta la sua struttura anatomica.

Proprio per questo motivo appena sono state ritrovate hanno rischiato di sgretolarsi al contatto con l’aria.

Grazie ad una tecnica irreversibile è stato possibile riportarle alla luce e dopo 20 anni aprire un museo al loro dedicato.

L’ambiente umido ha consentito l’eccezionale conservazione dei reperti. Il legno, sott’acqua in assenza di ossigeno, è riuscito a mantenere quasi intatta la sua struttura anatomica.

Tutti le imbarcazioni sono cariche di vetri, ceramiche, metalli, elementi in materiale organico, oggetti personali di chi viveva a bordo come calzature in legno e una giacca in pelle, fornelli, vasellame, piatti, attrezzi, lucerne, resti vegetali (come semi), utili per capire i commerci e l’alimentazione in mare.

Per tutte le informazioni su questo museo e le attività didattiche che potrete fare con i vostri bambini vi consiglio di andare sul loro sito.

Pisa più tradizionale un viaggio alla scoperta di Piazza dei Miracoli

Sicuramente non si può andare via da Pisa senza aver visto Piazza dei Miracoli.

Noi abbiamo deciso di visitarla all’orario del tramonto quando i colori della cattedrale della torre e del battistero tendono al rosa.

L’ingresso alla cattedrale è gratuito ma dovrete comunque fare il biglietto per poter accedere.

Per salire sulla torre di Pisa invece l’età minima è otto anni ed è consigliata la prenotazione.

Il Battistero ha riaperto i battenti dopo un lungo restauro il 02 di dicembre.

Cena ideale nelle Terre di Pisa con i bambini

Per cena siamo andati a La Pergoletta un ristorante molto carino situato nel centro storico della città dove potrai abbinare ai piatti tipici della tradizione toscana degli ottimi vini e pietanze dai sapori raffinati. 

Per il pernottamento abbiamo scelto l’ hotel Bologna in pieno centro storico in uno splendido palazzo d’epoca che offre anche il parcheggio nel cortile interno.

Non vi resta che partire e venire nelle terre di Pisa con i bambini.

Se invece volete trovare spunti per visitare Pisa e dintorni vi consiglio di consultare il sito Terre di Pisa.